citerna-citerna
citerna-citerna

DINTORNI DI CITERNA

DINTORNI IN UMBRIA

PISTRINO:
nella piana altotiberina ad est di Citerna si trova l’importante centro agricolo e artigianale di Pistrino. Da visitare la piccola Chiesa di Santa Maria che custodisce al suo interno una notevole serie di affreschi risalenti al XV secolo che rappresentano un documento di primaria importanza dell’arte popolare umbra.

FIGHILLE:
a nord di Citerna si trova il paese di Fighille, piccola frazione del comune, famosa per la qualità dell’argilla del sottosuolo che ha dato luogo a una prestigiosa produzione di ceramiche. Da Fighille parte la strada che conduce alla antica Chiesa di Santa Maria di Petriolo della quale si hanno notizie dall’inizio del 1200. Deteriorata nel corso dei secoli, sul luogo dove essa era edificata sorge ora il Santuario di Santa Maria di Petriolo, consacrato nel 1913.

DINTORNI IN TOSCANA

MONTERCHI:
il piccolo paese di Monterchi in provincia di Arezzo è il primo avamposto toscano che si incontra percorrendo l’Alta Valle del Tevere. Situato proprio dopo il confine umbro, il paese è noto in modo particolare per la “Madonna del parto”, il celebre affresco di Piero della Francesca dipinto tra il 1455 e il 1465. Arroccato su una collina che si erge isolata, chiamata anticamente il Mons Herculis, Monterchi gode di una posizione paesaggistica invidiabile e domina le alture digradanti verso la Valle del Tevere, costellate di antiche pievi medievali e di conventi (uno dei quali situato proprio a ridosso dei bastioni murari). Anche il centro vero e proprio mantiene un’impronta medievale, nonostante le distruzioni dovute a vari terremoti. Potrai inoltre apprezzare  le piccole botteghe e i caratteristici punti di ristoro che si aprono lungo le stradine del centro.

LA VERNA:
situato a pochi chilometri da Chiusi della Verna in provincia di Arezzo si trova il Santuario francescano de La Verna, noto in tutto il mondo per essere il luogo in cui San Francesco d’Assisi ricevette le Stigmate. Il Santuario, costruito nella parte meridionale del monte Penna a 1128 metri di altezza, è destinazione di numerosi pellegrini che in ogni periodo dell’anno visitano questo luogo ricco di spiritualità e storia. Il monte, ricoperto da una monumentale foresta di faggi ed abeti, è visibile da tutto il Casentino e dall’alta Valtiberina grazie all’inconfondibile forma della sua vetta (m 1283) tagliata a picco da tre parti.